Settembre è arrivato e come anticipato nelle settimane scorse inauguro la Rubrica “Donne in Azione “.
Per le Donne, mamme e non mamme, che vogliono raccontare la loro esperienza: una svolta, la voglia di rinascita, le soluzioni per riuscire a conciliare maternità e lavoro!

Storie di successi quotidiani che possano essere stimolanti per altre Donne che in questo periodo sono alla ricerca di se stesse

Grazia ~ Graziabiscotti.Coach

“Sono Grazia,
a settembre compirò quarant’anni e la mia storia è ancora tutta da scrivere.
Tre anni fa pensavo che la mia vita fosse finita.
Mi sentivo “vecchia” , senza più entusiasmo, prigioniera di un epilogo ormai scritto.
Vivevo con un uomo che non amavo più da anni, era il padre di Riccardo però, ed io avevo una tremenda paura di imprimere una ferita indelebile sulla pelle di mio figlio.
Avevo anche un lavoro socialmente invidiabile, che non mi piaceva neanche un po’, ma mi permetteva di soddisfare ogni mio più piccolo capriccio, una bella macchina una bella casa, borse firmate, eppure sentivo che la vita non poteva essere tutta li, almeno non per me.
Molti amici direttamente o indirettamente mi dicevano ” Grazia,cosa credi ? A nessuno piace il proprio lavoro, tutte le relazioni sono difficili e si basano sul compromesso per sopravvivere. Ci sono delle cose che vanno accettate, in nome di un bene supremo. Ora sei mamma e devi sacrificare la tua felicità per quella di tuo figlio. Questo vuol dire essere una buona mamma”. Ma questa non ero io, l’ autenticità per me è il valore supremo e spero che mio figlio un giorno possa comprenderlo.
C’erano troppi vestiti e troppe maschere nel mio armadio, ed era arrivato il momento di buttarli via, proprio perché ora che ero diventata una madre. Lo dovevo al mio essere donna e madre.
Così tre anni fa ho deciso di iscrivermi ad un master triennale in Programmazione Neuro Linguistica.
La crescita personale è stata sempre la mia più grande passione, fin da quando ero un adolescente.
Non avevo intenzione di diventare un coach, volevo solo prendermi del tempo per me, ritrovare il mio centro, così da poter fare la scelta più giusta per me e per mio figlio.
In quel periodo ero completamente chiusa all’ Amore eppure la vita per me aveva altri progetti.
Ho conosciuto il mio attuale compagno e dopo mille difficoltà oggi possiamo finalmente vivere il nostro Amore.
Ho cambiato città, lavoro, amici, ogni cosa è nuova qui, per me e per Riccardo. La nuova scuola, le nuove maestre, i nuovi ritmi.
Abbiamo affrontato un maremoto, ma proprio quando sono stata travolta dalle onde ho iniziato a capire che non sarei affondata davvero.
È così che ho scoperto di avere dentro di me risorse nuove, inaspettate.
Le continue battaglie in tribunale con il mio ex compagno, ancora oggi non sono finite ma mi hanno insegnato l’arte dell’attesa.
Io che ho sempre voluto tutto e subito.
Molte volte, nei momenti di sconforto mi sono chiesta se col senno del poi avrei scelto lo stesso percorso.
La risposta è stata sempre chiara e forte : Si !!
Oggi rifarei esattamente le stesse cose, cambierei solo le modalità
La lezione più importante è stata questa : la peggior strategia è non averne una!
E se lo dico io che non sopportavo nemmeno il suono di questa parola ….
Il cuore sa, dicono, molto più della mente, ma quando le variabili in gioco sono così numerose, bisogna fermarsi, ed analizzare ogni dettaglio.
Oggi mi occupo di crescita personale, motivazione e comunicazione strategica nella scuole.
Ho superato la” grande paura ” parlare in pubblico.
Non so se lo faccio bene oppure no, ma una cosa la so, finalmente ho smesso di giudicarmi.
Sono in cammino e la meta per me è il viaggio.
Questo lavoro nutre la mia Anima, il mio essere madre, il mio essere donna in una maniera completamente nuova.
Ringrazio la mia vecchia me per la pazienza, e quella nuova perche ha avuto il coraggio di saltare.”

Grazie di cuore a @Grazia Lifecoach

https://www.facebook.com/grazia.lifecoach

https://instagram.com/graziabiscotti.coach

Patrizia ~ La Coach Imperfetta

Torna la Rubrica Donne in Azione….
La nuova Protagonista è @Patrizia Arcadi – La Coach Imperfetta

Vi lascio alle sue parole…alla passione e determinazione che trasmette!

Grazie Patrizia per la tua testimonianza!

“Sono Patrizia e sono La Coach Imperfetta: aiuto le donne ad accettare la loro natura imperfetta, imparare ad apprezzarsi e riscoprire il coraggio di essere se stesse.
Alla soglia dei 40 mi sono reinventata: dopo molti anni in azienda, ho scelto di riprendere in mano la mia vita e di dar sfogo a quella voce che da tempo mi suggeriva di cambiare e di dedicarmi a ciò che più mi rendeva felice e soddisfatta.
Così ho frequentato il Master in Coaching, sono diventata Coach abilitata… e freelance!
Nell’arco di un anno ho abbandonato tutte le convinzioni su cui avevo fondato la mia vita professionale e – con non poche fatiche! – ho fatto un passo sufficientemente lungo per uscire dalla mia zona di comfort.
Ciò che mi ha mosso verso questa trasformazione è stato il desiderio di partire dalla mia esperienza di donna e mamma imperfetta per aiutare le donne a stare meglio con se stesse e a riappropriarsi della loro autenticità, della loro autostima e della loro sicurezza, nel lavoro e nella vita privata.
Sono stata a lungo un’esperta di scarsa autostima e di mancanza di accettazione, del timore del giudizio altrui e del perfezionismo.
Il mio modo di essere mi ha fatto sentire spesso inadeguata e vulnerabile, per non parlare poi di quando sono diventata mamma e tutto ciò che ero e facevo è divenuto imperfetto per definizione.
Il coaching mi ha supportato molto, è stato un percorso trasformativo molto intenso e con il coaching voglio aiutare le donne a vivere meglio.
Ho provato sulla mia pelle che per accettare la propria natura imperfetta occorrono coraggio e consapevolezza: per questo so di poterle supportare in questo percorso!
Chi ha già lavorato con me dice che ho una grande propensione all’ascolto, all’accoglienza e sono molto empatica e intuitiva!
Dopo il Master in Coaching e il tirocinio, la mia formazione continua: amo approfondire i miei studi con aggiornamenti sulla comunicazione empatica, l’intelligenza emotiva, la crescita personale e l’autostima.
Ecco i miei contatti:
www.patriziarcadi.it
www.patriziarcadi.it/blog
www.instagram.com/patrizia_lacoachimperfetta
Patrizia Arcadi – La Coach Imperfetta
www.linkedin.com/in/patrizia-arcadi/
Vi aspetto!”

Mara~ Assistente Virtuale

È proprio vero che diventare mamma ti cambia la vita. Non mi riferisco ai i cambiamenti di sonno bensì a quelli che ti spingono verso trasformazioni radicali, quelle che non avresti mai pensato di fare fino a quel momento.

A me è successo nel 2015 quando, dopo circa vent’anni come dipendente, ho deciso che era ora di dare una notevole svolta alla mia vita lavorativa scegliendo la strada dell’assistenza virtuale. Infatti, dopo aver ottenuto la certificazione, ho iniziato a costruire la mia piccola attività. Non senza sacrifici perché purtroppo non potevo ancora permettermi di abbandonare il posto fisso, quindi incastravo ogni santo giorno il mio essere lavoratrice dipendente, mamma, compagna, amica, figlia e naturalmente assistente virtuale. Stanchezza, irritabilità, indecisione, sensazione di trovarmi nel posto sbagliato erano all’ordine del giorno; senza parlare poi della continua corsa contro il tempo per riuscire ad incastrare il tutto nel migliore dei modi. Purtroppo, non sono Wonder woman, non ho il dono della perfezione e non sono infallibile di conseguenza mi è capitato di sbagliare, ma sai una cosa?

Mi sono fermata un attimo per poi decidere di andare avanti, facendo tesoro dei miei sbagli.

Ho scelto di continuare perché era quello che volevo, era la mia via d’uscita e non potevo rinunciarci perché farlo, sarebbe significata una sconfitta. Ho tenuto duro per due anni fino a che ad ottobre 2018 è scattata la molla che mi ha fatto dire basta e mi sono buttata.

Ho abbandonato il punto fermo di un posto a tempo indeterminato (sono pazza vero?), per scegliere di dedicarmi totalmente all’assistenza virtuale.

Paura di essere libera professionista con uno stipendio incerto? A secchiate!
Paura di non riuscire a far crescere la mia attività? Certo!
Però di contro, anche tanta voglia di farcela.

Sono un’assistente virtuale che collabora da remoto con freelance e imprenditrici che vogliono far crescere il proprio business. Ringrazio ogni donna che si è rivolta a me in questi due anni e accolgo col sorriso le professioniste che mi sceglieranno per collaborare in armonia, tra una chiacchiera e una risata, davanti a buon cappuccino virtuale (o anche un aperitivo … dipende dall’orario).

www.maramagrini.it
https://www.instagram.com/mara_assistentevirtuale
https://www.facebook.com/marassistentevirtuale

Cristina ~Celafaroanchestravolta

Ciao mi chiamo Cristina e sono una Donna, una Mamma (bis), una Moglie, una Lavoratrice full time nella gdo, una Strega Dianica iniziata alla tradizione, una Womb Keeper, una Moon Mother, una Facilitatrice in Mindfulness, una Consulente doTERRA e forse anche un’Artista.
Troppe cose? Forse .. o forse no! Sicuramente sono Multipotenziale, e scoprirlo ha fatto di me una Donna più felice e sicura di me stessa. Per 38 lunghi anni sono stata all’ombra degli altri e di me stessa, mi facevo in quattro per tutti, ma mai per me. Cercavo una strada, perchè è quello che tutti mi dicevano di fare. Non potevo essere tutte queste cose, dovevo scegliere e andare dritta fino alla meta.
Tutto questo mi faceva sentire inadeguata, inconcludente, svogliata e si .. anche depressa. Ero sbagliata! Con l’arrivo della mia prima figlia Cassandra e dopo 2 anni con l’arrivo di Mattia, sembrava che la mia strada fosse quella di essere Mamma. Le gioie della gravidanza, l’amore incondizionato per i figli, tutto ruotava inevitabilmente attorno a loro. Bello si, ma dopo un pò ho cominciato a vedere passare i giorni uno dietro l’altro, tutti uguali e troppo veloci. Non mi entusiasmavo più per nulla, mi sentivo sola anche in mezzo a tanta gente. Tutti si erano dimenticati il mio nome, anche mio marito ormai mi chiamava “Mamma” e un giorno davanti allo specchio sono scoppiata. Mi sono guardata, dopo tantissimo tempo e non mi sono riconosciuta. Mi chiedevo chi fosse quella Donna che mi guardava dall’altro lato dello specchio, con gli occhi stanchi, le occhiaie, i capelli legati e spenti. Cosi ho fatto una cosa che sarebbe considerata dalla maggior parte della gente da matti: ho cominciato a urlare il mio nome! Qualcosa dentro di me si è come risvegliato, tra le lacrime ho giurato alla me stessa dall’altro lato, che mai più mi sarei tradita, che mai più mi sarei trascurata e soprattutto che da quel momento avrei iniziato a vivere la mia vita con passione e motivazione.
In quel periodo è entrata nella mia vita la Tradizione Dianica che è stata l’inizio della mia rinascita. Una serie di circostanze e incontri mi hanno portato a quello che sono oggi. Una Donna con tantissime passioni, ma con un filo conduttore comune: Aiutare le altre Donne a trovare un loro posto nel mondo, portando la mia esperienza.

Una rinascita comporta sacrifici, ma possiamo farcela insieme e soprattutto ce la faremo anche Stravolte!”
I miei contatti:

Sito Web: http://www.celafaroanchestravolta.com

FB: http://www.facebook.com/celafaroanchestravolta

IG: http://www.instagram.com/celafaroanchestravolta

Mail: celafaroanchestravolta@gmail.com

Anna Paola – Business Coach

Una nuova Testimonianza ricca di emozioni e desiderio di riscatto. Grazie @annapaolamastria “Ciao! Sono Anna Paola,
Life e Business Coach e aiuto le donne a vivere bene il loro business e a raggiungere
il successo quale che sia il significato che ognuna di loro dà a questa parola senza
nulla togliere alla loro vita personale e alla loro cura, anzi.
Lo faccio con un approccio tutto mio che viene dalla mia esperienza di donna e di imprenditrice.
Posso dire di avere avuto più di una vita.
Come donna e madre ho superato molti momenti che le madri si trovano a vivere.
Mio figlio è adulto e posso dire di avercela fatta a tirare su una persona che è allo stesso tempo responsabile ed ama molto la vita. Questo mi rende orgogliosa.
Come donna nel mondo del lavoro ho avuto un doppio ruolo. Da protagonista e all’ombra di un uomo dalla personalità molto forte.
Da protagonista oggi e da dove ho iniziato. Nasco come modella. Da giovanissima ho lavorato nel fashion system e sono diventata così brava da diventare imprenditrice.
Mia è stata un’agenzia di servizi nel settore moda che ha lavorato con grandi firme e case di produzione.
Quindi una grande capacità di organizzare.
La moda comunque è un mondo effimero e quando ho avuto la possibilità di lavorare
nell’arte dove si lavora re di più sula persona ho fatto una nuova scelta.
Ho iniziato così a lavorare con mio marito, un designer dalla forte personalità creativa. Creatività estrema e struttura per lui non erano perfettamente conciliabili
così il connubio dopo diversi anni è durato sino al 2013.
Mi sono rimessa in gioco. Cosa sapevo fare meglio? Quale era il mio talento?
Ho lavorato su questo e per una donna che ha superato i famigerati quaranta non tutto è facile.
Posso dire di avercela fatta quando guardo una mia cliente e vedo che ha raggiunto e vive bene il tragitto che la porta verso i suoi obiettivi ed è felice.
Seguimi su:
https://www.annapaolamastria.it
https://www.facebook.com/AnnaPaolaMastria.official/
https://www.instagram.com/annapaolamastria/
Puoi scrivermi a info@annapaolamastria.it

Stefania – Insidetheweb

Una nuova Protagonista per la rubrica “Donne in Azione”.

Leggiamo la sua testimonianza :

“Ciao!
Mi chiamo Stefania, ho 28 anni e sono una web designer freelance. Aiuto le persone che si rivolgono a me, a creare un sito bello e funzionale, ma soprattutto un posto in cui sentirsi a casa.

Non sono sempre stata nel mondo digital.

Prima di questo mi sono laureata in Scienze Infermieristiche all’università degli studi di Firenze. Ebbene sì, sono infermiera. O meglio: lo ero!

Poi dopo anni e anni è scattato qualcosa.

Mi sono detta: Stefania, ma che stai facendo?

Mi sono chiesta se era veramente quello che volevo fare per tutta la vita.
Non è stato facile ammettere che non ce la facevo proprio più, in primis a me stessa. Ero arrivata ad un punto di non ritorno.
Ma quando le cose sono destinate a noi, trovano sempre il modo di raggiungerci. E così è stato.

Sono venuta a conoscenza in un modo totalmente casuale e inaspettato, dell’esistenza di un corso professionalizzante per web designer in uno storico istituto di Firenze.
Non potevo perdere questa occasione. Mi sono rimboccata le maniche e ho passato i successivi due mesi a studiare come una matta argomenti che per me erano totalmente sconosciuti fino a quel momento. Termini strani come RAM, BYTE e HARDWARE. Ma dovevo assolutamente entrare in quel corso: la vocina dentro di me diceva che era la cosa giusta, anche se non sapevo perché.
Con non poca fatica mi sono appassionata sempre di più alla programmazione, all’HTML e al CSS. E Più questi linguaggi diventavano miei amici, più mi si apriva il mondo.
Lì ho capito che ero esattamente dove dovevo essere, che era quella la mia strada.
Così ho deciso di aiutare le altre persone a farsi conoscere e a farsi trovare nel mondo. Non c’è niente di più bello di una persona che trova ciò di cui ha bisogno e di un’altra che può far conoscere la sua arte, la sua passione, la sua professionalità.
Per questo creo siti web e gestisco i social di liberi professionisti o piccole attività nel mio magico mondo che è Insidetheweb. Dove posso prendermi cura del tuo sito web, affiancandoti in ogni momento. Per questo ho creato l’hashtag #coltivaituoiprogetti.
Con costanza passione e perseveranza si può arrivare a tutto. Non aspettare il momento perfetto, ma crealo. E non pensare ormai ho fatto questa strada, ormai ho una certa età. “L’ormai non esiste!” (cit. Veronica Benini).
Seguimi su:
www.insidetheweb.it
https://www.instagram.com/insidetheweb/
https://www.facebook.com/insidetheweb/

Michela – Michilab

Oggi la Protagonista della Rubrica “Donne in Azione” è Michela…. scopriamola insieme!
🌼

“Avevo subito capito che la mia vita sarebbe cambiata per sempre quando ho tenuto per la prima volta in braccio quel batuffolo rosa.
Avevo 25 anni ed ero Art Director.
Essere donne in Italia davanti al lavoro ancora oggi non è la stessa cosa che essere uomini davanti al lavoro.

Con la determinazione che contraddistingue tutte le donne non ho mai voluto rinunciare, ho imparato a gestire le pappe ed i brief, le febbri improvvise e le riunioni d’agenzia, a dare il meglio nel minor tempo possibile, ad essere decisa e sintetica.
Intanto gli anni passavano e dopo Sara, sono arrivati Sofia e Mattia.

Conciliare lavoro e famiglia non è stato per niente facile!
Poi quando tutto sembrava perfetto, i ragazzi erano più grandi e io avevo un ruolo che mi lasciava più libertà, l’agenzia è fallita e io mi sono trovata a 40 anni a chiedermi e adesso, cosa faccio?

Non nascondo che ho anche pensato di cambiare completamente direzione, poi ho capito che la passione per il mio lavoro era troppo grande e mi sono inventata Michilab, il mio laboratorio creativo, nato proprio per aiutare le donne a rappresentare al meglio il loro business in rosa!
Michilab mi ha dato grandi soddisfazioni, mi ha fatto crescere insieme ai miei figli, mi ha insegnato che non si deve mai smettere di credere ai propri sogni e mi ha fatto capire che il mondo è fatto di mille sfumature. Continua a sognare a colori anche tu!”
Michela
https://www.michilab.com/
https://www.facebook.com/michilab/
https://www.instagram.com/michilab_brandidentity/
https://it.pinterest.com/michilab/
https://www.linkedin.com/in/michilab

🌼

Grazie Michela!

Silvia – Assistente Virtuale

Ciao, sono Silvia e ho deciso di fare un lavoro in linea con ciò che sono io e ciò che credo sia importante.

Un lavoro che rispecchi i miei valori che sono la gestione del proprio tempo e il vivere una vita in cui ti riconosci ovvero l’assistente virtuale.

Dopo una laurea in economia, un anno a Londra per provare a cambiare e poi lo stesso, anni di insoddisfazione come dipendente in ambito amministrativo, ho trovato finalmente il coraggio di provare a cambiare una situazione che mi stava logorando dentro.

Il contratto nell’ ultima azienda dove ho lavorato scadeva.

Ho avuto mille dubbi e paure ad abbandonare quel posto nonostante fosse abbastanza chiaro che fosse la cosa giusta.

Avevo paura.

Ma questa paura non mi ha paralizzata anzi la paura di non seguire il mio cuore e ciò che sentivo giusto per me mi ha dato la spinta. Insomma avevo più paura di restare come stavo che fare il salto nel buio.

E così ho saltato.

Una cara amica rimasta impressionata dalla mia passione per i siti web, dalla mia organizzazione e dal mio buon uso del pc mi disse che aveva trovato la professione adatta a me: l’assistente virtuale.

Così nel momento in cui stavo pensando di abbandonare l’azienda mi tornò in mente.

Pochi giorni dopo mi iscrissi al corso e più studiavo le materie e più mi appassionavo e più vedevo come si svolgeva la vita indipendente di quelle che erano già assistenti Virtuali e più mi era chiaro che anche io volevo avere quella libertà di orari, di tempo ecc. per sentirmi davvero appagata nel mio lavoro. Così mi sono rimboccata le maniche ho passato l’esame e creato i miei servizi e il sito.

Mentre plasmavo questa mia creatura sentivo sempre più forte dentro me un qualcosa che mi diceva che ce l’avrei fatta,che non c erano alternative.

E così è stato.

Emma – Associazione Radici E Ali

Mi piace scrivere, ma non amo parlare di me. Sono contenta, però, di contribuire a questa rubrica con la mia esperienza. Sono Emma, quarantun anni, moglie e mamma di una bellissima bambina.
Dopo un impegnativo percorso scolastico, culminato con una Laurea Magistrale a pieni voti in Scienze della Formazione, ho intrapreso la carriera di insegnante ed educatrice presso varie realtà scolastiche ed enti di formazione. Una grande ambizione mi ha portato a seguire ancora corsi di aggiornamento per essere sempre più formata e preparata nel mio lavoro. Molte ore fuori casa, molto tempo speso a correre tra un impegno e l’altro, tanta stanchezza, ma anche la soddisfazione di fare un lavoro che amavo e che riempiva gran parte del mio tempo.
Poi, finalmente, si realizza il progetto personale di diventare mamma e li, cominciano i primi ripensamenti sulla gestione del mio tempo. Tutte quelle ore fuori casa, sacrificando un piccolo essere che lasciavo col cuore in gola ogni volta che, dovevo uscire.

Valeva così tanto quel mio tempo speso al lavoro? E soprattutto, mi dava ancora la stessa gioia?

Ovviamente, non ho potuto contare su una riduzione d’orario.
Matura in me l’idea che fossero cambiate le mie priorità e che il mio tempo di lavoro dovesse essere adeguato a quell’importante cambiamento nella mia vita, che la mia serenità di persona venisse prima di tutto e passasse dalla serenità di conciliare l’ambizione lavorativa con il desiderio di crescere la mia bambina.
L’occasione arriva tramite un’associazione che mi permette di lavorare in diversi ambiti, per poche ore al giorno. In pochi anni ho la fortuna di confrontarmi e crescere in diversi ambienti educativi, formativi e sociali (scuola, comunità, carcere…). Io crescevo, imparavo, condividevo il mio lavoro in un ambiente stimolante e contemporaneamente dedicavo il mio tempo di mamma in modo soddisfacente e felice.
Purtroppo anche questa bella esperienza si è dovuta concludere dopo pochi anni e mi sono ritrovata a casa, senza lavoro.
Inutile spiegare il senso di smarrimento, di sgomento, di sconfitta che ho provato.

Da alcune persone a me vicine, mi viene proposto di aprire un’associazione, per riutilizzare il sapere acquisito e per fare di quel momento di crisi, un’opportunità.
Non avevo nulla da perdere e ho accettato la sfida.

Nel 2013 ho fondato una nuova associazione di promozione Sociale, l’Associazione Radici e Ali; da subito, io e gli altri soci, siamo partiti con progetti di prevenzione, formazione e sostegno alle famiglie e ai minori.
Qualche vento a nostro favore, qualche intoppo sul cammino, qualcuno che si è perso per strada, qualcun altro che si è inserito strada facendo, molti che hanno creduto in noi, molti che non ci credono ancora.
Ad oggi, la nostra Associazione, conta più di cento soci, è attiva sul territorio torinese e nelle scuole di Torino e provincia, è una piccola realtà ma ben consolidata, con una sede attiva e un’altra in preparazione. Ad oggi, è il nostro lavoro, è il sogno e il progetto mio e di altre donne che come me hanno scommesso su loro stesse, si sono riprese il loro tempo di donne e mamme e hanno conciliato l’ambizione lavorativa con la voglia di condividere questa avventura con le proprie famiglie.
Il lavoro è il frutto della competenza e non solo di un sacrificio di tempo. Avere la fortuna di poter seguire i propri sogni, ci rende forse meno ricchi materialmente (o almeno in onestà, noi non siamo diventate ricche con la nostra realtà) ma ci mette alla prova ogni giorno, sapendo che per poter proporre un progetto credibile dobbiamo prima di tutto credere in noi stesse e nelle nostre idee, non smettere mai di crescere e imparare e accettare le piccole sconfitte come prove per rinascere e migliorare ogni giorno, come donne, come mamme e prima di tutto come persone.

Eliana Santin – operatrice olistica, pittrice, arteterapeuta in formazione, ideatrice del metodo
C.R.E.A.R.S.I.

Eliana Santin, operatrice olistica, pittrice, arteterapeuta in formazione, ideatrice del metodo
C.R.E.A.R.S.I., attraverso il quale aiuto le donne a ritrovare il loro potere personale, l’intuizione e la
creatività. Tutto ciò che blocca, che fa paura, è un trampolino di lancio per scoprire nuove parti di
se fino ad ora sconosciute e poco valorizzate.
Ho deciso di diventare operatrice olistica e poi di sperimentare e creare dei percorsi creativi che
comprendono manualità, visualizzazioni creative e crescita personale, prima di tutto partendo da
un desiderio della mia anima di riallinearmi al mio vero scopo qui su questa terra.
Ho riscoperto la mia autenticità, il mio valore e un mondo di possibilità grazie al grande e costante
lavoro su me stessa. Sono passata attraverso un periodo difficoltoso che ha messo alla prova il mio
corpo, la mia mente e il mio spirito, i quali sono collegati da un sottile e invisibile filo. Quando si
inizia a lavorare su di se, le parti in ombra vengono a galla appunto perché aumenta la luce, quella
luce che ti permette di essere te stessa e scoprire un passo per volta chi sei veramente e l’enorme
potenziale che dimora dentro di te.
Le maggiori difficoltà le ho incontrate nella mia mente e pian piano ho abbattuto quei muri che
non mi permettevano di agire e andare oltre, ovvero superare i miei limiti. La vita ti mette di
fronte a delle prove e una cosa che mi sento di affermare è questa: “Arrivano a te delle difficoltà
che puoi superare, altrimenti non si presenterebbero. Se si palesano, significa che dentro di te ci
sono le risorse per affrontarle.” Io sprono sempre ad avere fiducia, essere determinate e quando si percepisce il bisogno di
ricaricarsi consiglio di lasciare andare. Come? Fermandosi, chiudendo gli occhi, respirando e
ripetendosi: “Va tutto bene. Accolgo questi momenti, ho la forza per farlo, sono come l’acqua, mi
modello nella mia esperienza di vita.” Per consigli e curiosità mi trovi qui:
www.elianasantin.it
Su Instagram: elianasantincrearsi
Su Facebook: Crearsi – Eliana Santin

Crearsi – Eliana Santin

Silvia Pagliarini – Essential Coach

Mi chiamo Silvia, ho 39 anni.Ho due bambine: Elettra Freya di 4 anni e Medea Demetra di 2.
Come – purtroppo – troppe volte accade, la mia prima gravidanza ha segnato la fine della mia carriera lavorativa. Beh, oddio, “carriera” è un parolone: ero un’impiegata, sottopagata, fermamente convinta di non avere ricevuto in dono da Madre Natura alcun tipo di aspirazione relativamente al lavoro.
Passo due anni a casa, a godermi una gravidanza splendida ed una bambina altrettanto meravigliosa – tutto bellissimo e fortemente voluto, certo, ma non posso negare che il mio cervello stesse boccheggiando in cerca di ossigeno. Zittisco momentaneamente quel bisogno con una seconda gravidanza, un trasloco, un’altra bambina… ma quel bisogno torna a galla, raddoppiato. Avevo bisogno di nuove sfide, di studiare materie nuove, di attivare i neuroni. Volevo rimettermi in gioco, non tanto per un bisogno economico, ma proprio per un bisogno mio, personale.
Certo, donna di quasi 40 anni con due bimbe piccolissime: FACILISSIMO trovare lavoro in una qualsiasi azienda! Mi imbatto nel post su Facebook di una business/life coach australiana che seguivo da anni e che parla di come gli oli essenziali fossero entrati nella sua vita, trasformandola. Inizio ad informarmi, a leggere tutto quello che riuscivo a trovare online… e passo settimane così. Era il 2017. Quell’anno la mia “parola dell’anno”, un giochino che faccio sempre all’inizio di ogni anno, era “intuizione”. E l’intuizione mi stava URLANDO che avevo trovato qualcosa che per me sarebbe diventato importantissimo.
Avevo un solo (enorme) blocco: gli oli essenziali che volevo acquistare venivano distribuiti tramite network marketing #percaritàdiddio.
Con la conoscenza ho distrutto il muro di pregiudizi che mi stava separando dal mio sogno.
Ho comprato le mie prime boccette di oli essenziali.E prima ancora di annusarne una ho deciso che avrei provato a lavorarci – anche se questo mi spaventava un sacco! Dovevo studiare molto, uscire di km dalla mia comfort zone.
E’ da un anno che lavoro con l’azienda che ho scelto.E’ stata una sfida enorme per me, ma mi sono fidata della mia intuizione !
SILVIA

Laura Zezza – Caià Bijoux in carta

Ed ecco la nostra nuova Protagonista
CAIA’ BIJOUX IN CARTA

Mi presento: sono Laura Zezza, creatrice del brand Caià bijoux in carta, ho 45 anni, sono mamma di una fantastica bambina di 6 anni, e sono residente a Settimo Milanese.
Il mio percorso di studi ad indirizzo tecnico/lingue mi ha portata a lavorare per diversi anni come impiegata commerciale, dopodiché nel settembre 2011 ho scoperto di essere incinta e, in contemporanea, ho perso il lavoro che avevo appena trovato, proprio “a causa” della gravidanza!
Durante i mesi in cui sono rimasta a casa, per puro caso mi sono imbattuta in una trasmissione dove si parlava di bijoux realizzati con la carta, la cosa lì per lì mi ha talmente divertita che per un po’ di tempo ho sfornato collanine per tutte le amiche!
Dopo la nascita di Matilde, ovviamente questo svago è stato messo nel dimenticatoio, e l’ho ripreso dopo che la piccola ha cominciato ad andare al nido, a 18 mesi.
In tutto il periodo, ho continuato a mandare curriculum a tutto spiano, convinta che non sarebbe stato difficile trovare un nuovo impiego! Invece purtroppo mi sono dovuta scontrare con una realtà molto diversa: durante i pochi colloqui che riuscivo a sostenere, appena sentivano parlare di bambina, cominciavano a farmi domande imbarazzanti. con il risultato che tornavo a casa sfiduciata.
Insomma, dopo un bel po’ di tempo trascorso a rispondere a candidature, ho ricominciato a realizzare bijoux con la carta.
I primi tempi riuscivo a farlo solo la sera, dopo aver addormentato la piccola, successivamente, quando Matilde ha cominciato ad andare alla scuola materna, ho cominciato a dedicarci più tempo!
Dopo circa due anni che mi dividevo tra la ricerca attiva di un lavoro stabile e dipendente, e la creazione di gioielli, ho cominciato a chiedermi che cosa volevo realmente fare, dato che a poco a poco mi stavo facendo conoscere.
Il problema principale era che io in primis non ero convinta di cosa fosse meglio, non per me ovviamente, ma per la famiglia, perché a conti fatti purtroppo non riuscivo a contribuire molto nel mènage. Tutto questo ha generato in me molta confusione, insicurezza e frustrazione perché ,anche se dentro di me avevo già deciso da tempo che il mio mondo e la mia passione erano i gioielli con la carta, non avevo il coraggio di “urlarlo” né a me stessa, né tantomeno al mondo intero, perché mi sembrava quasi “un lusso” poter decidere che lavoro fare, in un periodo difficile come questo che stiamo vivendo!
Oltretutto per molto tempo molte persone hanno pensato che per me fosse solo un hobby, quasi un gioco, come se il fatto di svolgere un’attività appassionante ed appagante, non potesse essere un vero lavoro!
Alla fine ho convinto me stessa (e anche gli altri) che sto facendo sul serio, che credo in quello che faccio, e che sono certa che il tempo mi darà ragione!
Spendo qualche riga per raccontarvi il mio lavoro/passione:
I miei gioielli sono generalmente realizzati utilizzando solo carta, riciclata e non, anche se amo combinare pietre dure, resine, o metalli poveri, non a caso recentemente mi sono iscritta ad un corso di oreficeria, perché mi incuriosiva l’idea di abbinare metalli, non necessariamente preziosi, alla carta, per creare gioielli rivolti a giovani donne e donne che desiderano valorizzare la propria femminilità e la propria persona con monili unici, estrosi ed ecosostenibili.
Partecipo spesso ad eventi e market dedicati all’handmade, durante i quali organizzo workshop dove spiego come realizzare le perle di carta, e successivamente aiuto a creare bijoux, ed inoltre ho uno shop online.
caiashop1973@gmail.com
Shop on line: caiapaperjewels.etsy.com
FB e Instagram: Caia bijoux in carta
@caia_bijouxincarta

Martina Gregori – S.O.S Tata Martina

CON IMMENSO PIACERE VI PRESENTO…..

Martina Gregori,
Tata/Puericultrice di professione.
Fondatrice di S.O.S. Tata Martina.

Ho 27 anni e sono di origine Veneta,mi occupo di bambini da 7 anni, ma la mia passione per i bambini non so nemmeno a quando risalga credo di averla sempre avuta.

Un anno fa esattamente il 18 settembre 2017 in seguito a delle richieste di aiuto di alcune mamme, ho deciso di creare una pagina professionale su Instagram mettendo a disposizione delle mamme che mi contattavano le mie competenze.
Il progetto era grande nella mia testa, ma io ero alle prime armi sul web, così piano piano e senza troppe pretese ho iniziato a condividere consigli, strategie educative e tutte le attività che quotidianamente svolgevo con tutti i bimbi che seguivo e seguo a domicilio.
In questo modo mi sono fatta conoscere per quello che ero realmente senza però impormi.
Le consulenze e l’approvazione di tante mamme di tutta Italia non hanno tardato ad arrivare.
Mi sono convinta che il servizio che stavo proponendo era un’ iniziativa utile e sopratutto tanto apprezzata dalle Neo mamme in difficoltà.
Le collaborazioni con realtà più strutturate della mia hanno iniziato a fioccare, dandomi l’opportunità di farmi conoscere sempre più sul territorio nazionale.
Non potete capire la soddisfazione e l’orgoglio che ho provato!
Da Tata di provincia a diventare Tata web conosciuta in tutta Italia.
Ancora non ci credo mi sembra tutto un sogno!
Ma sta capitando ed è tutto reale, ovviamete portando con se anche delle difficoltà e delle paure non indifferenti.
Gestire consulenze, collaborazioni, video, lavoro a domicilio e 6 bambini tutti i giorni non era e non è tutt’ora facile e mi richiede parecchio sacrificio.
Farsi spazio on line è complicato… in più se pensiamo che io nasco insicura cronica il tutto prende una piega più tragica.
Ecco perché ad un certo punto quando tutto il mio progetto stava diventando qualcosa di così serio, ho chiesto aiuto ad una business coach che mi ha aiutata nella gestione del progetto facendomi trovare la giusta motivazione e organizzazione.
Un consiglio che forse vi sentirete dire spesso, ma non è per nulla banale e quello di coltivare e realizzare sempre i vostri sogni, anche quelli che vi possono sembrare banali, inutili o sciocchi perché cosi non sono.
Anche a me l’idea di mettermi sul web mi sembrava irrealizzabile e assurda e se non avessi ascoltato il mio compagno che è stato il maggior sostenitore di Tata Martina a quest’ora non sarei qui a scrivere in questa rubrica .😊
Credete sempre in voi stesse e assecondate il vostro istinto e la vostra passione.
Parola di Tata Martina che ha aperto il cassetto dei sogni un anno fa é ancora non ha intenzione di chiuderlo.

BIANCA ~ DA O A 14

Oggi vi parlo di :
Mi chiamo Bianca, sono giornalista, ho una bimba di 4 anni e ho deciso di creare DA 0 A 14 all’inizio dell’anno scorso.

Da una parte volevo mettere le mie esperienze a disposizione di altri genitori e famiglie e, dall’altra, mi piaceva l’idea di dare vita ad una community per confrontarci e scambiarci informazioni, consigli, ricette e notizie.

Da quando sono diventata mamma, infatti, la mia vita (personale e professionale) è molto cambiata e questo “nuovo” mondo ha iniziato ad incuriosirmi sempre più.

Volutamente ho scelto di concentrare il mio progetto sull’età pediatrica, ovvero la fascia d’età che va dalla nascita a 14 anni (da qui il nome DA 0 A 14).
E cerco di trattare, sia sul sito sia sui relativi canali social, argomenti e temi che possano essere di interesse per tutti coloro che hanno a che fare con under 14.

Il mio family blog si rivolge infatti a genitori, nonni e zii di bambini e bambine da 0 a 14 anni con notizie, prodotti e consigli a loro dedicati.

L’intento è quello di aiutare i nostri figli e nipoti a crescere bene. E diventare… adolescenti!

Per offrire ai miei lettori un valore aggiunto, ho anche realizzato degli articoli e dei video in collaborazione con alcuni qualificati esperti (tra i quali una biologa nutrizionista, una psicologa infantile, una psicoterapeuta, un dentista, un pediatra) e organizzato degli incontri gratuiti di approfondimento ai quali ho invitato a partecipare mamme, papà e famiglie.

E quando possibile cerco anche di premiare chi mi segue più attivamente con contest gratuiti che mettono in palio omaggi e premi vari, come biglietti per spettacoli teatrali per bambini, libri o kit da cucina.

Non è facile conciliare la vita “da mamma” con il lavoro e il blog ma per fortuna mia figlia mi dà la carica giusta per affrontare sempre con il sorriso ogni nuova sfida!

Vi aspetto quindi sul sito (www.da0a14.it), su Facebook (www.facebook.com/da0a14), Instagram (www.instagram.com/da0a14) e Twitter (twitter.com/da0a14). E se volete scrivermi, mandatemi un messaggio privato o inviatemi un’e-mail e vi risponderò.

Michela ~ Come quando Biz

Vi presento anche Michela e vi lascio alla lettura della sua testimonianza!
Ciao sono Michela,
dopo tanti anni di lavoro ai vertici di alcune aziende, diversi cambiamenti importanti in famiglia mi hanno portato a sentire sempre più stretto il mio ruolo da dipendente.
Non sono una mamma di quelle da “la mia vita sono i miei figli e mi bastano loro per essere felice”, ma anzi, la maternità mi ha portato ad essere ancora più ambiziosa a livello personale e così, senza lasciare il lavoro ho frequentato due master per specializzarmi ulteriormente in ciò che mi interessava approfondire: il marketing e la comunicazione.

Dopo due figli avevo la voglia di continuare a creare altro, che non fosse solo mio ma che mi permettesse di mettere le mie capacità e conoscenze a disposizione di tante piccole imprese desiderose di crescere con un metodo studiato su misura, una sorta di educatrice di business.

Il primo periodo è stato chiaramente il più difficile: conciliare un lavoro fisso (senza il coraggio di abbandonarlo), due bambini piccoli e lo studio prima e a seguire il lancio dell’attività in proprio significava non avere più un momento libero.

Però, quello che noi donne impariamo spesso troppo tardi, è che alla fine troviamo il modo e soprattutto troviamo la forza per fare tutto.

Il mio consiglio è pianificare meticolosamente partendo dall’obiettivo finale e non lasciare nessun passaggio al caso!